I portafogli di scambio centralizzati detengono ora il 14% della fornitura circolante Bitcoin

„Non le tue chiavi, non la tua BTC“ è un famoso detto nello spazio di criptovaluta che significa che BTC sulle borse tecnicamente appartiene alle borse in quanto detengono le chiavi private dei fondi. Sembra che il detto non abbia scoraggiato i possessori di BTC dall’utilizzare le borse come il 14% dell’offerta circolante di BTC, pari a oltre 2,6 milioni di monete che attualmente si trova su portafogli di scambio centralizzati.

Le borse con la quota maggiore di BTC comprendono Coinbase, che ne detiene circa 954.000, Huobi con 364.000, e Binance con 267.000. Questo secondo i dati rilasciati dalla piattaforma di analisi dei dati a catena, Glassnode.

Le borse detengono importi significativi di BTC

Anche se l’attuale saldo del 14% del portafoglio sulle borse sembra grande, è proprio quello che rimane dopo il massiccio deflusso di BTC dalle borse all’inizio di quest’anno. Dopo il terzo dimezzamento avvenuto a maggio, il 70% del saldo di BTC sulle borse è stato ritirato. Si è ipotizzato che i ritiri fossero in previsione di un’encierro come risultato del dimezzamento. Qualunque sia il motivo, ciò dimostra che le borse detengono ancora una quantità significativa dell’offerta totale di BTC in circolazione.

Questo numero è destinato a salire, dato che i minatori hanno recentemente iniziato a inviare nuovamente Bitcoin Trader alle borse dopo la vendita. Secondo Glassnode, il flusso netto di BTC dei minatori in entrata o in uscita dai loro portafogli ha toccato il minimo di -2.935 BTC dal giugno 2019. Ciò dimostra che i minatori hanno registrato il più alto deflusso di BTC nell’ultimo anno e che il 97% delle BTC sono state inviate ai portafogli di scambio centralizzati.

Cosa significa questo per il prezzo Bitcoin

E‘ una tendenza nel mercato dei Bitcoin che i minatori che inviano i Bitcoin in borsa precedono una mossa ribassista per la criptovaluta. Questo potrebbe spiegare perché l’asset non è stato in grado di sostenere un movimento al rialzo del prezzo verso i 10.000 dollari nonostante il picco di questa settimana. Anche se il prezzo è ancora fermo sopra i 9.000 dollari ora, un trader e analista di crittografia Josh Rager, dice che presto potrebbe scendere a 8.500 dollari.

Se ciò dovesse accadere, potrebbe essere solo una questione di tempo prima che anche gli investitori al dettaglio comincino a inviare i loro Bitcoin alle borse. Questo causerà un ulteriore calo o cosa succederà dopo?

Dieser Eintrag wurde in Bitcoin veröffentlicht.